↓ Archivi ↓

Archive → novembre, 2010

Maratona di Firenze in diretta..


I nostri si staranno incontrando, salutando e incoraggiando a piazzale Michelangelo.
Noi qui, sul divano… Col nostro digitale terrestre
Ecco i nostri:
– valter # 4726
– StefanoG # 9784
– Leonzie # 10976
– Domenico # 9978
– AirRobi # 9260
– BlackMamb@ # F865
– Baiocca # F2592
– Aulla82 # 7605
– Pezzulli # 5639
– maxstar60 # 11206

Correre con le charity

Autorizzato da Francesco riporto questa iniziativa, come primo step, più avanti vediamo:

“Grazie all’aiuto e ai suggerimenti di molti runnerplus siamo riusciti a far diventare la Fondazione De Marchi charity partner della Milano City Marathon.
Ciò vuol dire che iscrivendosi tramite la Fondazione De Marchi sarà possibile destinare il 50% del costo di iscrizione alla realizzazione di progetti a favore dei piccoli pazienti in cura presso il reparto di oncologia ed ematologia pediatrica della Clinica De Marchi di Milano.
Non scendo nel dettaglio di cosa fa la Fondazione, chi volesse può visitare il sito: www.fondazionedemarchi.it o chiedermi informazioni in privato.

Io collaboro con la Fondazione da diversi anni e posso garantire sulla sua serietà.

Ora noi runnerplus possiamo insieme dare un aiuto concreto, semplicemente iscrivendosi alla Milano City Marathon attraverso la Fondazione De Marchi, questa è la pagina on line fresca di realizzazione: www.fondazionedemarchi.it/donazioni/milanocitymarathon

Oltre a iscrivervi potreste anche coinvolgere più amici possibile.
Sarebbe bello con il ricavato della nostra corsa finanziare un progetto specifico e magari “marchiarlo” con una targa dedicata a noi runnerplus ed essere tutti presenti alla inaugurazione.

Settimana prossima cercherò di coinvolgere nell’iniziativa anche un brand tecnico che possa magari sponsorizzarci con una maglietta dedicata. Vi terrò aggiornati, ogni nuova idea è graditissima.

Ricordo inoltre che il 10 aprile 2011 oltre alla maratona è possibile partecipare alla mezza maratona (stessa iscrizione della maratona) e alla staffetta, formata da squadre di 4 corridori.

www.fondazionedemarchi.it/donazioni/milanocitymarathon”

5 Dicembre 2010 -Gardaland Half Marathon

Parlano male di Cinesi che copiano a man bassa gli altri, ma questa gara fa puzza di brutta copia della Disneyland Marathon 🙂
Comunque quasi sicuramemte sarà l’ultima gara di stagione 2010, prima di rientrare ai box.
I partecipanti iscritti sono per adesso:
SimoneB in odore di PB.
AndreaInnovatel che sbadiglierà come al solito (lui dice relax…boh!)
Paolo (Ibiza) che si stà drogando di mezze
Io che non ha capito perchè si è iscritto.
Le iscrizioni chiudono Domenica

Editoriale n.6 Firenze sul Digitale Terrestre

Quando ero bimbo, 10 anni circa, mia madre mi mandava al vicino supermercato con poche migliaia di lire per andare a comprare pochi beni di prima necessità, e sull’uscio di casa mi congedava sempre con la solita e perentoria raccomandazione “compra roba poco costosa e porta il resto!”
In genere mi limitavo a comprare pane e latte, ma una volta scoprii un genere senz’altro utile ed economicissimo : il sale da cucina!
Preso dall’entusiasmo ne comprai a pacchi al limite della mia modesta disponibilità economica, e a scapito del latte e del pane.
Inutile dire il commento ironico della cassiera “… devi salare una balena?”, ma peggio fu la sgridata di mia madre!!
All’epoca non ci poteva permettere dubbi, le direttive erano chiare, per cui di fronte a certe situazioni, inventiva e creatività maturavano con gli anni un proprio potere decisionale.
Oggi è diverso, la gente chiama con il proprio ipercellulare il “mandatario” chiedendo chiarimenti infinitesimali sulla merce da acquistare … non si sa mai mi vanno a comprare dei costosissimi palloncini lubrificati!!
Oggi siamo circondati di ammennicoli elettronici tentatori che, guarda caso, hanno spesso ha il simbolo della mela e ci vengono propinati con l’illusoria promessa di migliorarci la vita.
E queste erano circa le premesse quando in prima superiore ebbi a che fare con uno dei primi PC 286, linguaggio BASIC.
Il BASIC era all’epoca un linguaggio relativamente semplice, che però ti faceva ottenere ottimi risultati dopo lunga e faticosa programmazione; in pratica stavi ore davanti ad uno schermo monocromatico verdastro, per costruire una funzione alquanto spartana, bei tempi però e belle soddisfazioni anche.
Oggi è diverso non ti fanno fare più questa fatica, con il rischio che comprendi veramente il valore fasullo dell’acquisto compulsivo che hai appena fatto, così con l’avvento del plug&play tutto sembra più facile, supportati da questi software CHEFANNOTUTTOLORO.
Io una volta ci correvo dietro a queste cose, ma oramai ho mollato da tempo, disilluso da questa informatica pronta al consumo.
Valerio mi ha fatto cambiare idea però, usando un compilatore per siti web efficace quanto spartano, ha ricavato nella bolgia del cyber spazio una NOSTRA dimensione, una modo di ritrovarci più che distinguerci.
Si è ovvio che si fa fatica rispetto alla vecchia sede Americana, però il nostro draghetto, ha mostrato una sensibilità degna di un Customer care Giapponese, modificando e implementando, il NOSTRO sito dietro ogni nostra richiesta.
Non è uno sforzo da poco, e non dobbiamo frequentare questo sito per riconoscenza, dobbiamo semplicemente scrollarci di dosso quella pigrizia da jogger che ci impedirebbe di andare oltre certi limiti che già oggi percorriamo con estrema facilità, ma che se ricordate bene, erano duri all’inizio.
Quella di runnerplus.it è secondo me un’avventura complessa e difficile all’inizio, ma destinata solo migliorare sempre di più da chi avanza con inesorabile entusiasmo alimentato dal vostro semplice uso.
Domenica 28 Novembre 2010, si correrà la Maratona di Firenze, e per la prima volta su questo sito, si seguirà la corsa dei nostri amici, si passa al NOSTRO digitale terrestre.
Vi auguro una Domenica all’insegna della corsa più soddisfacente, seguita da un paio di ore in accappatoio davanti al PC.
Leo alias Bellerofonte.

Editoriale n.5 – I limiti

Il termine limite, a molti di noi può risultare antipatico, per alcuni in passato ha costituito anche un incubo in Analisi Matematica, oggi per quasi tutti è di fatto l’ostacolo, il muro, la barriera, che si pone tra le nostre attuali possibilità e l’obbiettivo prossimo futuro, lì vicino, e apparentemente a portata di mano.
Definiamolo quindi questo limite come LIMITE SUPERIORE.
Superiore alle nostre reali attitudini, nei confronti della quale noi ci protraiamo con tutto il nostro corpo, corpo a sua volta spinto da una mente che farà da ago della bilancia tra una pesante insoddisfazione e un’impagabile piacere per avercela fatta.
Qui però non è il caso di forzare il concetto di “volere è potere”, che a sua volta si è sempre rivelata una massima più indicata all’autolesionismo costruttivo (?!?), ma piuttosto menzionerei che “ognuno è padrone del proprio destino”.
Così se quel giorno ti alzi ben riposato, non divaghi in maniera pericolosamente creativa sulla prima colazione, e così via discorrendo, su tutta quella catena di eventi che alla fine caratterizzano la propria gara, le possibilità di farla sono enormi, è quasi fatta in pratica, ti avvicinerai fino a superarlo il famoso limite superiore.
Il tutto poi lo trovo alquanto naturale nell’essere umano, è una forma di egemonia mentale, un modo di viaggiare sempre più lontano in un mondo forse un troppo ristretto come visione, ma meravigliosamente costruito a nostra immagine e somiglianza.
E se è vero che nulla si crea e nulla si distrugge, è vero che per creare tutto ciò, solo l’energia che ci fornisce una competizione ci permetterebbe di fare tutto ciò, diversamente dubito che una qualsiasi forma di moto inerziale, possa dare una qualsiasi soddisfazione, saremo tutti criceti a quest’ora.
E se qualcosa và storto?
Bè nella migliore delle ipotesi, ci si imbroncia come Bobo, ma poi passa, così almeno sembra.
Nella peggiore invece ci si fa male, come il nostro Naka Giò, che se la dovrà passare in pigrizia forzata per buona parte di questo fine Autunno, già antipatico di suo con le sue docce francamente odiose.
O capita come è successo a qualcuno questa Domenica, di finire per l’ennesima volta a tagliare il traguardo in ambulanza.
La cosa però non si limita a questo genere di danno, parlo degli ultimi 2 casi ovviamente, perché i 2 runner in discussione, quando avranno occasione di scendere in campo per correre, cominceranno a contrarsi, a pensare, si creeranno quello che io chiamerei il LIMITE INFERIORE, oggi menzionato come “sega mentale”, o almeno così spero sia le definizione, visto che tra l’altro chi la menziona, spesso farfuglia una spiegazione poco plausibile, quando viene citato in causa per spiegarla.
Si corre male con il LIMITE INFERIORE in testa, non si riesce ad esprimersi al meglio, e spesso fa un effetto palla al piede per niente gradevole.
Domenica prossima Roby, Domenico, Leonzie, Max, Sofia,Pezzu, Baiocca, Riccardo, Stefano e Valter, sperimenteranno i loro rispettivi limiti superiori, in quel di Firenze, nella Signora delle gare.
Proveremo a seguirli da qui, anche se devo ammettere che il feed back è terribilmente lento rispetto alla vecchia sede, non me ne voglia Valerio, però ci proveremo.
In tasca al canguro e ricordatevi che se prima arrivate prima finisce il piacere!!
Leo alias Bellerofonte

Editoriale n.4 Mezzi Termini

Cominciamo con le mezze verita’
Michele Focarete oggi è stato premiato, con il premio Vergani, riservato ai “migliori” giornalisti, non sò in che ambito però francamente.
Direte : è chi è Michele Focarete?
è colui che, a giudicare dalla sua carriera bigliografica, ha una passione sfrenata per le corpivendole, o se meglio vogliamo usare un’eufemismo automobilistico molto in voga di questi tempi : escort.
E direte ancora : e allora?
Bè in un mondo ove tutto si avvia la globalizzazione, perchè non globalizzare i clienti delle escort?
Ed è stato così che il nsotro Valerio ci ha linkato oramai un mese fà, un’articolo del Corriere delle Sera, dove il signore in oggetto ci metteva alla pari di tali clienti.
Reazioni?
Si la mia che si è persa nei meandri del chissenefrega da parte di Runner’s World e del giornalista in oggetto, unitamente ad un piccolo e molto sterile trafiletto su CORRERE, e qualche battuta sobria sul blog di Linus.
La verità è che in un clima di costante insulto tra le parti, questa cosa non importava a nessuno, in quanto inflazionata.
Vabbè pensiamo a correre.
Terminiiiiii, stazione Terminiiiiiii!
Spero di risentire l’anno prossimo questa voce in occasione della Maratona più partecipata d’Italia che, rischia di vedere intaccata a breve da regina della Gara per eccellenza, dalla imminente Firenze Marathon o MARAFI per quelli del “giro”.
Nel frattempo godiamoci la prossima re-union del Polo Romano, non in stazione, ma in aeroporto, o perlomeno a Fiumicino, dove tra chi deve fare il “salto” sulla mezza distanza a meno di 90′, tra chi si infilerà in qualche modo per godersi almeno metà della gioia di correre ben 21km, tra chi spende tempo per questo sito piuttosto che allenarsi, ma sopratutto tra chi ha ripreso a infilarsi le scarpe da corsa e crederci un’altra volta: BENTORNATO FABIO!
Qualunche cosa tu voglia fare, e cerca di sparire distaccandoci in gara, e non assentandoti dalla virtuale piattaforma.
Mezza Maratona a Fiumicino, e Mezza sia in quel del Garda, ove Marco esordisce sulla Mezza Distanza, allenato come non mai, e finalmente vestito di tutto ottimismo: FORZA MARCO
E per ognuna di queste Mezze Distanze, ce ne sono altrettanto di strane:
A partire dalla riesumata Forlì-Ravenna, di 30km, in luogo della soppresa Maratona di Ravenna, autentica concorrente di Bergamo in quanto a bruttura di gare formato criceto.
FrancescaLaFranci, si cimenterà in una distanza di tutto rispetto e primo test serio per il lungo cammino che la dovrebbe portare a Roma 2011.
Il cammino invece è più breve, ma su una distanza un pò più lunga per il gruppo Sofia-Riccardo-Andrea-Roberto che si cimenteranno nella classica Milano-Pavia, 25esima edizione, lungo un tracciato che ti permette di toccare 2 province e 2 città in una sola corsa, aspettando la prossima e blasonata MARAFI!
In tasca al canguro a tutti ragazzi, e ricordartevi che più veloce correte e prima arrivate, ma così vi riducete il piacere.

Leo alias Bellerofonte
Postula
Domani nella ex-capitale d’Italia, correrà in quella che secondo me è realmemnte la Maratona Italiana più veloce, correrà il capostipote dell’ala dissacrante del running puro di RunnerPlus Italia.
Correrà colui che uscendo dagli schemi dà spesso esempio, perlomeno a me, che c’è un’aspetto scanzonato di una gara così importante.
Domani corre colui che aspetta i top runner all’arrivo per poi partire a sua volta gasato come non mai.
Domani corre il nostro veterinario, si perchè posso definire solo così il nostro Doc Giuseppe, affidabile runner Piemontese che spesso ci ragguagli con giusti consigli, animali da corsa come me:
in tasca al canguro Giuseppe neeeeeeee!

Io domani parto alle 8:30, minuto più minuto meno.

1 mese

Dopo gli editoriali di Leo fatemi scrivere due righe in occasione del complemese di runnerplus.it.
Chi di voi si è prodigato nell’ organizzazione di “raduni”, chi ha stampato diplomi, chi ha regalato magliette, lo ha fatto credo, con lo stesso spirito con cui io ho voluto mettere online ciò che ora state leggendo, impegnandomi in qualcosa che forse (anzi sicuramente in alcuni casi) è al di fuori delle mie competenze e capacità, ma che volevo fare, per dare a tutti noi un qualcosa di veramente nostro, ammettendo anche la possibilità che l’ esperimento non riesca.
Tanti motivi, che tante volte ci siamo raccontati, sono quelli che mi fanno stare bene tra voi, è inutile ricominciare a parlarne,almeno in questa sede, sono però gli stessi per cui runnerplus.it è nato.
Nel suo primo mese di vita alcuni ci sono entrati e lo hanno immediatamente utilizzato come casa propria, altri meno. Certo, c’è da abituarsi a nuovi meccanismi e da adattarsi ad un sito in costante, anche se lenta, evoluzione. C’è da fare un po’ da cavie.
L’ inizio c’è, il resto potrà essere essenzialmente fatto dal nostro buttarci dentro tutto quello che ci passa per la testa. Non fatevi problemi a chiedere, apprezzare, criticare, proporre. E’ questo quello che spero vorrete fare qui, è solo questo che lo farà vivere.
Con la sola limitazione solo tecnica, potete immaginare pagine e utilizzi nuovi, e non dovervi solo attenere alle regole che qualcuno ha stabilito dall’ altra parte dell’ oceano.
Finora 39 di voi hanno voluto iscriversi o avere il proprio indirizzo con alla fine runnerplus.it. e a voi chiedo, visto che ho alcune importanti modifiche ed evoluzioni in testa, di farmi sapere il più possibile cosa ne pensate.

Correte!

Grisù

Scusate..un attimo di attenzione…

Andate qui www.latigre
Cliccate su competitive e guardate chi c’è al primo posto..
E’ uno di noi ragazzi… =) =)

Software Corsaro Intellirunning

Ho trovato ieri questo software per la gestione di piani di allenamento, diari, gestione gare, gestione infortuni, allenamenti di potenziamento in palestra, gestione della multi-disciplina e gestione di import da file garmin o polar.
Ho scaricato la versione dimostrativa che dura 20 giorni, e mi sembra abbastanza funzionale, anche per programmare un piano di allenamento per una gara. L’unico problema e’ che immettendo i miei dati ed il recente tempo della Mezza di Cesano, mi escono ripetute di 20″ – 25″ piu’ lente rispetto ai tempi che tengo nella realta’ in pista.
Altro problema e’ la visualizzazione delle finestre che, anche cambiando i settaggi di windows dello schermo, rimangono alcune videate con i campi che escono dalla visuale senza possibilita’ di barre laterali per spostarsi sinistra-destra e su-giu’.
La versione dimostrativa contempla tutto il programma, tranne che per i piani di allenamento vengono elaborati, ma non si può salvarli.
Costo per registrarlo 37 euro.

corsaro.altervista.org

Qualcuno lo conosce, e lo ha provato ?

20 marzo 2011 Maratona di Roma