↓ Archivi ↓

Archive → novembre, 2011

Nomina Official Reporter

In nome del popolo che corre e visti gli articoli il, lo, la, i, gli le, e visto che c’è chi fotografa solo i Sindaci (VALTER), o chi si fà fotografare dalle troupe del network d stato (SimoneB), per i poteri conferitomi dalla giunta (LaFranci ha chiuso, ed è quindi “giunta” al traguardo”) CONFERISCO alla Fotografa Unica nel Senso Artistico in arte F.U.S.A. la nomina di Reporter UFFICIALE di R+.it.
Confermo quindi in questo come un mio giudizio…obbiettivo!! 😀 😀 😀

Inutilità

Di cose inutili ne ho viste, e purtroppo anche utilizzate, ma così…
Presa dall’ edizione cartacea di Runner’s World edizione US, una fascia da testa che è al contempo portaborraccia.
Ma voi ve lo immaginate correre con quel coso?
Meno male che abbiamo il 15% di sconto…

Siamo Runners!

“Siamo Uomini e Donne e Marziani Siamo il coraggio che ti fa cominciare, la passione per continuare la sfida con te stesso, Siamo le gocce dì sudore, le lacrime dì gioia, il nodo alla gola perché è finita, il bacio alla terra ed il pugno al cielo Siamo i chili che hai perso, i chili che hai preso, i compagni di strada che altrimenti non avresti conosciuto Siamo borracce, fontanelle, Aulin e pipì dietro agli alberi Siamo la tua prima maratona e non saremo l’ultima Pioggia, sole spietato, pietre, cani incazzati e polvere di strada Siamo rispetto degli altri Siamo albe di colazioni al miele, buio di sentieri, scarpe che non vuoi buttare via, Siamo bottega amara di corseria Siamo i cretini che mandiamo a fare in culo quando ti insultano dalle macchine Siamo domande, dubbi, perché, errori, infortuni Siamo quelli di correre ovunque, comunque e dovunque Siamo correre o morire Siamo e saremo solo tempi di passaggio
Siamo Runners…. “

La nuova scarpiera

Questo articolo illustra il modo di funzionamento della nuova Scarpiera disponibile sulla pagina di ciascun utente di runnerplus.it.
Cliccando sul pulsante “Scarpiera” nella propria pagina se ne apre con un aspetto simile a quello dell’immagine presente qui sotto.

La tabella di sinistra è presente solo per coloro che hanno già usato la vecchia versione della gestione delle scarpe o comunque chi ha già inserito uno o più paio di scarpe con le quali corre.
I nuovi utenti inizialmente nella parte sinistra non vedranno niente ma successivamente vedranno popolarsi quella zona dello schermo con le scarpe utilizzate.

Sia che siate nuovi utenti sia che siate dei vecchi aficionados di runnerpuls.it la prima cosa che dovete fare è inserire la vostra scarpe nella nuova scarpiera. Per farlo cliccate sul punsante presente nel riquadro Quali scarpe vuoi aggiungere alla tua scarpiera?. Se siete già utenti di runnerplus.it ed avete usato la vecchia scarpiera dovete comunque fare questo passaggio.

Attenzione Se non trovate le vostre scarpe nell’elenco, per favore scrivete a scarpe(chiocciolina)runnerplus.it.

Una volta fatta la scelta cliccate sul pulsante “Comincia a correrci”.
Ripetete l’operazione per ogni paio di scarpe che volete mettere nella vostra scarpiera.

Al termine dell’operazione quando inserirete la vostra corsa nel calendario potrete associare la corsa fatta con una delle scarpe presente nella lista da voi inserita (invece di doverle cercare tra tutte le scarpe elencate nel database come succedeva con la vecchia versione).

Attenzione Avrete senza dubbio visto che le prime opzioni del menù a discesa sono le opzioni –Bicicletta– e –Piscina–
Servono per fare in modo di registrare anche le attività sportive non di corsa che volete fare. Associando la distanza fatta ad una delle due opzioni sarete in grado di registrare anche le vostre uscite in bicicletta o di nuoto sul nostro sito.

Quando vorrete smettere di usare un certo paio di scarpe e non vorrete più vederle nell’elenco proposto al termine di una corsa dovrete mandarle in pensione. Scegliete la scarpa dall’elenco che si trova nel riquadro Quali scarpe vuoi pensionare cliccando sul pulsante. Le scarpe sono elencate in ordine alfabetico per cui il pulsante di default mostra la prima in ordine alfabetico.

Adesso premete sul pulsante “pensiona”.
Adesso sul lato sinistro avete la tabella con le scarpe che effettivamente usate e sulla sinistra la tabella con le scarpe dismesse.

Potete pensionare tutte le scarpe che volete (utile soprattutto per coloro che sono qui da tanto tempo ed hanno registrato tante scarpe) in modo da avere “attive” solo le scarpe che effettivamente state usando.

Se per caso vi accorgete che avete fatto un errore a pensionare un paio di scarpe si può comunque tornare indietro.
Scegliete la scarpa che avete sbagliato a pensionare dall’elenco che si trova nel riquadro Quali scarpe rimettere in azione.

Una volta fatta la scelta premete sul pulsante “Recupera”.
Le scarpe passeranno dalla tabella di destra (pensionate) a quella di sinistra (scarpe in uso) e riappariranno dell’elenco di scelta dopo corsa.

Bello, no?

Avevate mai visto un gadget del genere nei pacchi gara?

Sei un podista se…

Dal sito idearun.it

Le parole sono importantissime e perciò sei un podista quando… 

  • …la mezza non è né mezzogiorno, né mezzanotte ma 21,097 chilometri. 
  • …le A3 non sono né la carta da fotocopie, né un’Audi e nemmeno la Napoli – Reggio Calabria ma le scarpe col massimo ammortizzamento. 
  • … 3,14 non è il pi greco ma una velocità per te irraggiungibile. 
  • … il medio non è un dito della mano usato per gesti poco elegan…ti ma un tipo di allenamento. 
  • … qualcuno ti dice che tra due località ci sono 10km tu associ subito un tempo tra i 40 e i 50 minuti, oppure pensi che potrebbe essere una bella gara. 
  • …sei a centinaia di km da casa, stai visitando un bel parco e il tuo primo pensiero è che bisognerebbe venire a farci un allenamento. 
  • …un sindacalista ti parla di gradoni e invece di pensare alla pensione ti viene in mente la visita alla medicina dello sport. 
  • … a tua figlia che si è data lo smalto blu, dici che tra qualche giorno le salteranno le unghie. 
  • … la notturna per te non è la farmacia aperta dopo le 20.00 ma una corsa estiva. 
  • … la parola giudice non ti fa venire in mente le toghe dei tribunali ma le tute giallo-verdi dei giudici UISP 
  • …Eva per te non è la moglie di Adamo ma l´intersuola delle scarpe. 
  • …una svedese ti chiede un´informazione e l´unica parola che ti viene in mente (e che conosci) è fartlek. 
  • …apri la finestra in una bella giornata di primavera e il primo tuo pensiero è… oggi è l’ideale per fare un lungo (anche se poi devi andare a lavorare)! 
  • …ma soprattutto sei un podista quando, dopo che tua moglie ha impegato 4 ore a fare le valige per le vacanze estive, tu le fai riaprire l’ultima valigia per mettere la canottiera della tua società sportiva per andare a fare lo sborone in un parco all’estero a migliaia di km da casa tua !

Gli artisti del taglio

A Torino come allenamento per Firenze:

Articolo apparso su www.podisti.net

Turin_Marathon_2011_personaggio_SMS
SMS come acronimo di “sotto mentite spoglie” e mi pare una definizione perfetta per il caso di cui vi parliamo in questo articolo.
Il caso è di quelli gustosi e la segnalazione ci è giunta da piu’ parti ma, benchè ci si sia buttati a capofitto la nebbia non ne vuol sapere dal diradarsi.
L’uomo della foto ha chiuso la maratona di Torino in 19^ posizione con l’ottimo tempo di 2h22’11” ma con il nome che era presente in classifica non lo conosce nessuno.
Si chiamerebbe Andrea Filiconi e si è iscritto alla gara con il tesserino giornaliero Fidal, immaginiamo presentando un certificato di idoneità alla pratica agonistica.
Chiariamo subito che il regolamento 2011 prevede che, un’atleta con tesserino giornaliero debba entrare in classifica ma non possa concorrere per il montepremi.
Studiando la classifica, un addetto ai lavori amante delle statistiche, s’è accorto che questo atleta dal nome sconosciuto era alla prima una maratona e ce lo ha subito segnalato come volto nuovo benchè non più giovanissimo (classe 1975).
Con la crisi di maratoneti italiani di livello, trovare un esordiente non tesserato che corre in 2h22′ ci sembrava meritevole di attenzione e quindi stavamo per uscire con un pezzo adeguato.
A frenare la nostra esaltazione è arrivata oggi la notizia che l’atleta era stato estromesso dalla classifica in quanto, seppur transitato a tutti i controlli intermedi, non era partito, o meglio, non era transitato sotto l’arco di partenza e non era stato rilevato dal chip.
Ci siamo messi subito al lavoro per verificare i video e le foto della partenza, al fine di dimostrare a Memè della Sdam che s’era sbagliato lui, che non era possibile smontare così su due piedi il nostro entusiasmo per la scoperta di un nuovo talento, ma niente, aveva ragione Memè, aveva ragione il chip, Filiconi non era partito, oltre a non risultare in transito sui tappeti di rilevazione, non risultava neppure nelle foto e nei video.
A dare sostanza all’idea che il podista SMS avesse combinato qualcosa di strano arriva un amico che domenica era sul percorso e che ci ha riferito di averlo visto passare alla mezza (ricordiamo che è transitato a tutti i controlli chip tranne che alla partenza) con in mano una maglietta bianca, un po’ tardi per spogliarsi degli abiti in eccesso solitamente indossati alla partenza…
Caro Filiconi, o meglio caro “podista SMS” mi sa che questa volta lei l’abbia fatta grossa, il suo nome non appare in nessuna classifica, anzi no, lei risultava iscritto alla Maratona di Carpi dove pero’ non ha corso, lei non ha mai corso una gara in vita sua, tutto ci fa credere che lei non sia Andrea Filiconi bensì un “podista SMS”.

E c’è pure il filmato che lo inquadra all’arrivo, dove neanche si ferma (al quinto minuto del filmato):

Dopo una vita di onesto ozio ultimo simbolo del rincretinimento presenile

Era solo un sospetto, adesso è una certezza: l’improvvisa passione per la maratona è il nuovo segno inequivocabile del rincretinimento pre-senile del maschio 40/50enne contemporaneo. La prova definitiva me l’ha fornita l’ultima email del mio amico X. Da sempre fiero della sua leggendaria pigrizia e del suo cospicuo appetito, è riapparso qualche giorno fa dopo lunga latitanza. E lo ha fatto spedendomi la foto dell’attestato della sua partecipazione alla maratona di New York (la madre di tutte le maratone-sintomo di rincretinimento pre-senile). Non che sia necessariamente una cattiva notizia: X, come prima cosa, è sopravvissuto. E siccome non lo vedo da tempo, magari nel frattempo ha perso qualche chilo (e – pare – anche diverse unghie dei piedi).

Però, insomma, fino a poco tempo fa ogni donna sapeva che i segni inequivocabili del primo rincretinimento pre-senile del proprio compagno/marito erano fondamentalmente due: l’acquisto di una moto di grossa cilindrata o un improvviso interesse per le under 25. Ultimamente invece impazza il micidiale ultraquarantenne che parla (o scrive a getto continuo sui social network) solo di allenamenti, abbigliamento tecnico, soglie di acido lattico, sfide con se stessi, nutrizione sana, gioia della fatica e tutte quelle cose (tranne i rischi per la salute) di cui tocca sentirsi vantare anche sempre più personaggi noti che trovano interessante metterci a parte delle (loro) gioie della corsa per 42,195 km (una sana mezz’oretta di corsa tre volte la settimana è troppo banale, no?).
(continua a leggere su corriere.it)

Quanto veloce un top runner corre la maratona?

La ASICS in occasione della maratona di New York 2011 ha installato un sistema di schermi che permettono di correre accanto a Ryan Hall, un atleta americano che ha corso l’ultima maratona di Boston in 2h 04′ 58″, per 60 piedi e rendersi così conto della velocità che un top atleta tiene per l’intera maratona, ovvero 42195 metri.

 

Sfida di Natale: calendario dell’avvento

Come promesso…il calendario dell’avvento di Runnerplus è pronto!!!
Il folletto Grisù ci ha lavorato molto ed il risultato è straordinario: ve ne accorgerete!

I veterani conoscono già le regole, ma le riepiloghiamo per le nuove leve:

– prima di tutto…ci si deve iscrivere alla sfida…
– la sfida comincerà il 01 Dicembre e avrà una durata di 24 giorni
–  ogni giorno la “community” dovrà percorrere 150k km cumulativi.
Ogni runner potrà contribuire con la distanza e la frequenza a lui ottimale.
L’importante è caricare la corsa entro sera.

– se ogni giorno si raggiungeranno i 150k, il 24/12 riceverete la sorpresa di Natale.

– si può partecipare correndo, camminando, gattonando o strisciando.
– Non sono ammessi mezzi di trasporto di alcun tipo (aereo, nave, treno,
auto, scooter, bicicletta, roller, monopattino, skateboard ecc)

– ogni volta che correrete, riceverete un “piccolo premio”

 

Le sorprese cominciano sin da ora, con il nuovo calendario di dicembre, da
appendere sopra il vostro comodino oppure sullo specchio del bagno…
e per chi ama le collezioni: è ancora “disponibile” il calendario dello
scorso anno. Basta chiedere e vi sarà inviato 🙂

 

Tutto chiaro?

Perfetto allora…correte ad iscrivervi!!!

 

 

Link alla pagina della sfida:

LA SFIDA DI NATALE