↓ Archivi ↓

Archive → dicembre, 2011

Zodiaco 2012

Se nella vostra vita non vi è scopo
Provate a leggere il mio oroscopo
Sarò bravo e bonario
Persino con quelli dell’Acuqario
Anche se nel segno c’è chi solo spadella
Dentro ci saranno Pesci compresa l’alborella
Pinnati dal colorito alquanto strano
Razze che arrivano persino dal Trevigiano
Pesci d’acqua dolce e pesci di mare
Gente che si occupa del nucleare
Pesci Torinesi che fanno Maratone in meno di 2 mesi
Ma qua non mi dilungo voi lo sapete
Ora è il turno del segno dell’Ariete
Cominciamo da quello Romano?
Quello che gareggia in modo strano?
O citiamo l’Interista con la sua velocità da apripista?
Parliamo invece del nostro creatore multimediale
Che ci ha costruito questo angolo iperspaziale
A cui sarò persona sempre grata
Per avermi salvato dalla zingarata!!
Spendo solo due parole
Con il runner dalla immensa prole.
A cui a me molto duole
Non riuscirlo ad incontrar.
Ma ora gridiamo tutti felici e in coro
Urrà alla novella sposa del Toro
Toro badate, non Torinese
Quello che vorrebbe prepararsi in un mese
Che piuttosto della campestre corsa nel fango
Gradisce solo un comodo tango
Proseguendo quindi con i segni carini e belli
Non posso non citare il segno dei Gemelli
Molti appartengono a questa fazione
E di quelli poco conosciuti non posso fare gran menzione
Mi dovete suvvia scusare
A chi non ho potuto menzionare
Sono partito dal nostro calendario
Io degli altri non ho nulla in contrario
Continuo quindi nella nostra meta
Applaudendo alla nuova Maratoneta
Di seguito rinnovo gli auguri al novello sposo
Cui passo in gara io non oso
Ma abbandoniamoci ad una super ovazione
Al nostro re dell’organizzazione
Che nella città dalla torre pendente
Ha reso felice molta della nostra gente
Lo proporremmo come quarto dei Re Magi
Così poi mi spiegherà cosa cavolo vuol dire PAGI
Pace Amore Gioia Infinita?
Io per capirlo ci ho messo una vita!
Ma il tempo è tiranno e stringe la morsa
Ora è il turno delle Donne di corsa
Da Trieste a Roma, dal soggiorno alla c-ucina
Corrono come guerriere per poi fare la mammina
Ha il bambino che sul seggiolone s’impenna
Si dispera e urla facendo tremare Ravenna
Il loro segno è parola a me sgradita
Io se per questo brindo alla vita
Anche se a brindare abbiamo un professionista
Che ha un nick mica da runner, ma da surfista.
Lui con la birra spesso abbonda
Poi si lamenta se la bici in gara sfonda!
Ma ora è il tempo di altra menzione
Lei che è reporter per ogni occasione
Fa bella mostra del segno il Leone
Anche se a volte fa un po’ confusione
C’è chi corre di notte e non si pente
C’è chi nel Carso corre come un serpente
Ma nella Vergine c’è un’altra mammina
Sola, coraggiosa una vera Triestina
E ammirevole la percorsa distanza
Se la farei anch’io mi calerebbe la panza
Ora citiamo chi dal baffo non si sgancia
Nel caso non si capisse parliamo della Bilancia
Strumento che odio per il peso da maiale
Tra di noi qualcuno lo fa come mossa marziale
Come ulteriore speziale menzione
Lo merita anche il segno dello Scorpione
Che trova la sua Massima espressione
Chi per la gara Romana di Febbraio
Ha messo tanti chilometri nel suo granaio
Nell’attesa che dalla ridente Treviso
Qualcuno riprenda a correre con il sorriso.
Come con il sorriso ma solitario
Corrono quelli del Sagittario
Combattono sempre con il calendario
Che per le tabelle chi per l’orario.
Su chi non ho citato più non ci torno
Pensate mi mancano quelli del Capricorno
Ma voglio in maniera a voi gradita
Che il 2012 sia inizio di nuova vita!

2011: Un anno di Corsa !!!!

Com’è stato l’anno appena trascorso?

Come sono andate le vostre Gare e le vostre ‘corse’ ?

Quanti km avete fatto ?

Condividiamo i nostri traguardi e le nostre soddisfazioni !!!!

Buon Nasale 2011!!

È come consolidata tradizione, che mi sento di esprimere a Voi e ai Vostri cari il consueto Buon Nasale, quale dissacrante auspicio per una buona respirazione affannata dalle inevitabili libagioni.

Vi ho sì promesso chilometri democratici per tutti quanti, ma i tempi suggeriscono Maratone più lunghe che non potranno terminare con i soliti 42 km ma poco più in là per permettere a tutti i runner di ricevere il loro Gatorade di anzianità.

Correre è una cosa, allenarsi è un’altra, e quindi Vi dico che allenarsi è sacrificio, e questo è il tempo di allenarsi, se non vogliamo che la nostra pancia levitando faccia Bond-Bond in maniera sempre più crescente.

Stasera a tavola fate pieno del Vostro carburante preferito, mangiando anche pasta e preferendo le acciughe come pesce al posto delle accise, che hanno il nome di un pesce ma non lo sono.

A Natale bisogna essere più buoni, quindi chiedo sin d’ora alla batteria dei nostri velocisti che si schiereranno alla RomaOstia 2012, di farmi passare davanti almeno per qualche km!

Chiedete spudoratamente a Nababbo Nasale, di portarvi tutti gli ammennicoli tecnologici e scintillanti per correre in maniera smodata, ma non dimenticate che potete correre quando potete e quanto Vi pare senza necessariamente e odiosamente giustificarvi verso gli altri, tanto non siete peccatori, e quantomeno il girone dei runner non è stato ancora costruito di sotto!!

Auguri di Nuovo da il Vostro Presidente Imp(r)udente LeoFonte 😀

Trasmissione televisiva da non perdere

Sul canale Toscana TV (indovinate dove si vede) è stata trasmesso giovedì sera alle ore 22,20 il programma Atletica e Podismo che si è occupato interamente della maratona di Pisa.
Un protagonista della trasmissione lo conosciamo molto bene qui su RunnerPlus.it. Scoprite chi è e cosa gli capita durante la trasmissione!!!

Lo voglio!!!

NON posso allenarmi senza!
Devo usare tutti i mezzi possibili e “immangiabili” per gareggiare velocemente alla RomaOstia!
E costa “solo” 50 euro!!
aaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhh 😀

http://www.koalasport.com/content/paracadute-velocisti

Gare ufficiali Gennaio 2012 (Mezze o poco più)

Borgo a Buggiano (Pistoia)-Mezza di Befana 6 gennaio
Cremona-La Maratonina dell’Epifania 6 gennaio
Porto d’Ascoli (Ascoli Piceno)-Maratonina dei Magi 6 gennaio
Roncola di Treviolo (Bergamo)-Mezza Maratona sul Brembo 6 gennaio
Annone Brianza-Maratonina di Annone Brianza 8 gennaio
Medea (Gorizia)-Maratonina delle 2 province 15 gennaio
S.Bartolomeo in Bosco (Ferrara)-Maratonina d’inverno 15 gennaio
Monteforte d’Alpone (Verona)-Maratonina Negozi Demmy(e Montefortiana) 22 gennaio
Torre del Lago Puccini (Lucca)-Mezza Maratona di Carnevale (Puccini Marathon) 22 gennaio
Ceriale (Savona)-Maratonina dei Turchi 29 gennaio
Casalbeltrame (Novara)-Mezza Maratona di S.Gaudenzio 29 gennaio
Napoli Half Marathon (Abb. alla Maratona) 29 gennaio
Nepi (Viterbo)-Maratonina dei 3 Comuni (22,3 km) 29 gennaio
Siracusa Half Marathon (abb. alla Maratona) 29 gennaio
Cittadella (Padova)-Maratonina della Città Murata
Pula (Cagliari)-Maratonina dei Fenici
Scordia (Catania)-Maratonina Rossarance Scordia

IL LIMITE UMANO NELLA MARATONA

Dal “Corriere della Sera

Il 2011 è stato davvero un’annata boom per la maratona maschile. Non solo perché vi è stato realizzato il nuovo primato mondiale dal keniota Patrick Makau che a fine settembre ha vinto la prova di Berlino con 2h03:38 cancellando così dall’albo dei primati Haile Gebreselassie, ma soprattutto per la straordinaria messe di risultati di alto livello ottenuti dagli specialisti africani.

Questi fatti hanno subito riportato d’attualità il sogno di vedere prima o poi un atleta abbattere il fantastico muro delle due ore. Realtà o fantascienza?

Su questa ipotesi naturalmente si sono sbizzarriti diversi scienziati e fisiologi. Il fisiologo americano David Martin, allenatore di maratoneti ed esperto statistico sulla distanza, ritiene che questo muro verrà abbattuto entro il 2015.

Più cauti due ricercatori canadesi di Montreal, Francois Perronet e Guy Thibaut, i quali attraverso un modello matematico incentrato sul rendimento dei meccanismi energetici, prevedono che il muro delle 2 ore non possa cadere prima del 2030.

Sempre gli stessi due ricercatori, visto che l’uomo non potrà battere il record del mondo all’infinito, hanno inoltre ipotizzato che il limite massimo sulla distanza si aggirerà intorno ad 1 ora 48 minuti e 26 secondi. Come dire, oltre a supplementari 2 km e 195 metri, fare 4 volte di fila i 10.000 metri sul piede di 26 minuti e 5 secondi. Niente male considerando che l’attuale primato mondiale sulla distanza dell’etiope Kenenisa Bekele è di 26:17.53!

Un altro esperto del settore, l’ americano Joener, ricercatore del Minnesota ha previsto, in base ad uno studio basato su un’ideale combinazione di tra il massimo consumo d’ossigeno (VO2max), soglia del lattato e l’economia della corsa, che molto presto si potrà riuscire a correre in 1h57’58” e che per raggiungere questo crono il neo recordman dovrà avere un VO2max di 84ml/kg/min, una soglia del lattato di 85% del VO2max ed una eccezionale economia di corsa.

Se ci sono pareri discordanti sull’anno in cui cadrà il limite delle 2 ore, sul “chi” infrangerà questo storico muro gli esperti sono invece tutti concordi: sarà un africano, molto probabilmente un keniota, un etiope o un eritreo. Qui forse non era necessario l’intervento illuminato di un fisiologo o di un ricercatore, ma bastava sentire il più modesto parere di un qualsiasi podista della domenica.

La sfida dei 100 giorni

La sfida consiste nel correre o camminare almeno mezz’ora ogni giorno per cento giorni consecutivi a partire dal 1 gennaio 2012.

Si tratta di una prova podistica che è anche un viaggio interiore alla riscoperta del piacere della corsa ad oltranza e che mette a dura prova non tanto il fisico, quanto la capacità di organizzarsi: più che una questione di allenamento (“Ce la farò a correre almeno mezz’ora ogni giorno per cento giorni consecutivi?”), infatti, l’incognita è la vita ed in realtà la domanda cambia in “Ce la farò a trovare il tempo per correre almeno mezz’ora ogni giorno?” fra famiglia, scuola, lavoro, spesa, pranzo, cena ed altri impegni quotidiani.

Sei pronto a raccogliere questa sfida? Leggi come fare a partecipare.

Help.


Questa è la “foto” dello schermo del mio pc con l’errore che non mi permette di vedere i km totali nella sfida di Natale, di aggiornare la mia scarpiera and many more… Mi aiuti chi può!!!

La corsa migliora l’intelligenza

I ricercatori dell’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign hanno voluto rispondere alla domanda “Gli atleti eccellono nei compiti di tutti i giorni?” Il motivo della ricerca è collegato al fatto che si dice che le persone che svolgono attività fisica abbiano migliorate anche le loro capacità intellettive. Il metodo usato da questi scienziati per provare l’ipotesi è stato piuttosto inusuale.

Lo studio estende la letteratura relativa al rapporto tra attività sportiva e capacità cognitive mettendo sotto esame atleti e sedentari nel compito realistico consistente nell’attraversamento di una strada, attività che sfida fondamentali abilità cognitive e di percezione. È stato realizzato il modello di un incrocio in un ambiente di realtà virtuale ed ai partecipanti è stato chiesto di attraversare la strada in differenti condizioni di distrazione camminando su un tapis roulant integrato nella realtà virtuale. È stato specificatamente scelto il paradigma dell’attraversamento pedonale per studiare le capacità multitasking e le abilità nella velocità di elaborazione di entrambi i gruppi.
Il multitasking può essere definito come l’abilità di svolgere più compiti contemporaneamente. Per attraversare la strada con successo, i pedoni devono simultaneamente fare attenzione al flusso di traffico, controllare e ricordare le distanze dai veicoli e le loro velocità, quindi procedere all’attraversamento. Inoltre l’attraversamento richiede il coordinamento e lo svolgimento simultaneo di altre attività e non semplicemente lo svolgimento di attività consecutive da svolgersi entro un certo tempo. Quindi l’esame di questa attività multitasking, attraversare con successo una strada, è stata studiata sia esaminando atleti che non atleti. Le attività contemporanee da fare durante l’attraversamento proposte ai partecipanti sono state sostenere una conversazione al telefono cellulare o ascoltare della musica con le cuffie, due comuni distrazioni che possono introdurre ulteriori difficoltà.

…L’obiettivo in ogni prova era di attraversare in sicurezza la strada in un incrocio privo di segnaletica evitando il traffico. Ogni partecipante ha iniziato la sua prova in una strada tra due edifici. La persona è stata istruita a camminare fino a quando la strada da attraversare è risultata visibile e quindi ad attraversare quando riteneva che questo fosse sicuro. Ad ogni partecipante è stato chiesto di camminare (non di correre) per attraversare entrambi i flussi di traffico senza essere investito. Se il compito veniva svolto correttamente veniva dato un feedback vocale, se si veniva investiti da un’auto il feedback era visivo.
Nel complesso i risultati ottenuti mettono in evidenza che le superiori capacità di veloce elaborazione degli atleti sono il fattore determinante per le migliori performance in una sfida realistica multitasking, ovvero, in altre parole, gli atleti hanno minori probabilità di essere stirati da un’auto mentre attraversano la strada.

Quindi, buone notizie per i runner! Non solo correndo migliorerete le vostre generali condizioni di salute fisica, ma avrete minori probabilità di essere buttati sotto in condizioni analoghe di svolgimento di una attività in città.
Naturalmente i non corridori potrebbero essere arrivati sani e salvi a casa usando la loro auto.