↓ Archivi ↓

Archive → settembre, 2013

___________ ANDREA, ALZA LA VOCE! __________

Pronti, via!

Via! Ho detto …

Eppure non mi sentono.
Come quando arrivo primo,
quasi sempre,
e quasi non se ne accorge nessuno.
Lo danno per scontato,
che mi mettono il premio in macchina,
prima della gara.
Via! …
che invece a me lo sconto non lo fa nessuno.
Via! …
Forse sono medici stranieri
Io Andrea … e quindi … Andrei …
Lo so, c’è stato un urto,
stamattina presto,
con così poca luce
che non mi vedevo le scarpette …
Lo so …
ma adesso basta!
Via!
che non mi piace correre col sole alto.
Oggi ho un lavoro semplice,
un lungo, lento, a guardare il Tevere
che piano piano si illumina.
Via!
Sennò faccio veramente tardi.
Troppo tardi!
Via!!
Eppure non mi sentono.

Mica si saranno messi in testa
di farmi saltare l’allenamento.

grazie a LEO per la foto e alla CRAZY HORSE Corporation per l’elaborazione grafica.

Pancafit – un altro modo di fare stretching

PanfFit Tentate tante, si tenta anche questa. Male non farà di certo.
Avevo sentito parlare di questa tecnica basata sull’uso della panca coadiuvata dal fisioterapista per la durata dell’intra sessione (45′ circa) ed ho voluto provarla perchè promette di risolvere molti problemi.
Si basa fondamentalmente sullo stretching dell’intera catena muscolare.
Si può fare per tanti motivi, non ultimi i problemi posturali dai quali dipendono poi tanti degli infortuni da cui siamo afflitti.
Tra qualche settimana sarò in grado di dirvi fino a che punto funziona. Per ora, dopo la prima seduta mi sembra già di essere più bilanciato (in dima per dirla come i carrozieri), non ancora più alto (sensazione legata all’allungamento) ma di stare sicuramente meglio.

Sito ufficiale del metodo Raggi http://www.posturalmed.org/area-scientifica/perche-funziona/